UFFICIO I

Ex art. 1. comma 3  del DPCM 30 settembre 2020 n. 166

3. L'ufficio scolastico regionale e' organizzato in uffici dirigenziali di livello non generale per funzioni e per articolazioni sul territorio con compiti di supporto alle scuole, amministrativi e di monitoraggio in coordinamento con le direzioni generali competenti. Tali uffici svolgono, in particolare, le funzioni relative: alla assistenza, alla consulenza e al supporto agli istituti scolastici autonomi per le procedure amministrative e amministrativo-contabili in coordinamento con la direzione generale per le risorse umane e finanziarie; alla gestione delle graduatorie e dell'organico del personale docente, educativo e amministrativo, tecnico e ausiliario (ATA) ai fini dell'assegnazione delle risorse umane ai singoli istituti scolastici autonomi; al supporto e alla consulenza agli istituti scolastici per la progettazione e innovazione della offerta formativa e alla integrazione con gli altri attori locali; al supporto e allo sviluppo delle reti di scuole; al monitoraggio dell'edilizia scolastica e della sicurezza degli edifici; allo stato di integrazione degli alunni immigrati; all'utilizzo da parte delle scuole dei fondi europei in coordinamento con le direzioni generali competenti; al raccordo ed interazione con le autonomie locali per la migliore realizzazione dell'integrazione scolastica dei diversamente abili, alla promozione ed incentivazione della partecipazione studentesca; al raccordo con i comuni per la verifica dell'osservanza dell'obbligo scolastico; alla cura delle relazioni con le rappresentanze sindacali unitarie (RSU) e con le organizzazioni sindacali territoriali.

Affari generali, personale, affari legali

DECRETO MINISTERIALE n. 913 18 dicembre 2014 (pubblicato in S.O. n. 19 alla Gazzetta Ufficiale Serie Generale n. 91 del 20 aprile 2015) - art. 2

1.     L’Ufficio I, con sede a Trieste, svolge a livello regionale le funzioni di cui alle lettere a) - e) in raccordo con gli altri Uffici per le questioni di rispettiva competenza ed è supportato, per le attività di comune interesse, dall’Ufficio II:

   a)  affari generali. Attuazione delle misure di prevenzione della corruzione, attuazione degli obblighi di pubblicità, trasparenza, accessibilità del sito, diffusione delle informazioni e coordinamento dell’accesso civico. Gestione del sito. Supporto all’utilizzo condiviso delle risorse tecnologiche e della posta elettronica certificata. Supporto al rilascio delle abilitazioni alla gestione delle risorse finanziarie e alla firma digitale. Rapporti con i gestori dei sistemi informativi. Gestione documentale degli Uffici I, II e III tramite il protocollo informatico. Procedure di acquisto di beni o servizi comuni agli Uffici I, II e III, tramite ricorso al mercato elettronico e adesione alle convenzioni CONSIP; gare per l’affidamento di altri servizi comuni agli Uffici. Controllo sulle attività del consegnatario unico e sulla completezza della documentazione per il tempestivo pagamento delle fatture elettroniche e delle altre spese documentate; controllo sulla tenuta delle scritture inventariali e sullo scarto periodico degli atti d’archivio. Funzioni di datore di lavoro per il personale degli Uffici I, II, III. Nomina dell’RSPP e del medico competente. Aggiornamento degli adempimenti di cui al d.lgs. 9 aprile 2008, n. 81.

  b)  risorse umane. Organizzazione del lavoro dell’Ufficio I, funzionale al sistema di valutazione del personale. Controlli sull’orario di lavoro, sulla fruizione dei buoni pasto, sulle assenze del personale dirigente e non dirigente del comparto ministeri. Riparto dei fondi per la produttività del personale e relativa contrattazione decentrata per gli Uffici I, II, III. Informativa sul riparto del fondo per il lavoro straordinario. Relazioni sindacali per il comparto ministeri. Incarichi ispettivi ai dirigenti tecnici. Selezione delle unità di personale da utilizzare per il supporto all’autonomia delle istituzioni scolastiche. Formazione del personale dirigente e non dirigente del comparto ministeri. Liquidazione delle spese di missione e dei compensi ai relatori per la formazione del personale ministeriale.

  c)  risorse finanziarie. Gestione dei piani gestionali dei capitoli di bilancio e assegnazione di quote agli Uffici di ambito territoriale. Emissione dei decreti di impegno, dei decreti di accertamento residui, degli ordini di pagamento a impegno contemporaneo e su impegno. Riscontro contabile e controllo di legittimità sugli ordini di pagamento. Procedure di spesa inerenti il funzionamento degli Uffici: monitoraggio e pianificazione del fabbisogno di fondi per il funzionamento dell’USR, comprese le sue articolazioni territoriali; richieste di fondi al MIUR; pagamenti delle fatture elettroniche. Controllo dell’utilizzo tempestivo dei fondi per il pagamento di fatture/bollette da parte degli Uffici di ambito territoriale. Monitoraggio debiti pregressi; adempimenti fi scali e previdenziali; rapporti con gli organi di controllo. Contabilità generale e relativi rendiconti. Relazioni tecnico finanziarie per la contrattazione integrativa personale amministrativo. Pagamento dei compensi per la produttività e per il lavoro straordinario con la procedura del cedolino unico. Esercizio dei poteri di spesa per le risorse inerenti le competenze dell’Ufficio I. Attività di consulenza e di supporto alle istituzioni scolastiche nelle materie amministrativo-contabili.

  d)  attuazione politiche per gli studenti e il sistema scolastico. Offerta formativa e esami di Stato. Vigilanza sul rispetto delle norme generali sull’istruzione e dei livelli essenziali delle prestazioni, sull’attuazione degli ordinamenti scolastici, sui livelli di efficacia dell’azione formativa e sull’osservanza degli standard programmati. Attuazione delle politiche nazionali per gli studenti. Adempimenti relativi agli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di primo e di secondo grado. Esami per l’esercizio delle libere professioni. Attivazione della politica scolastica sul territorio con il supporto alla flessibilità organizzativa, didattica e di ricerca delle istituzioni scolastiche. Raccordo con i comuni, le province e la regione nell’esercizio delle competenze loro attribuite dal decreto legislativo n. 112 del 1998. Promozione della ricognizione delle esigenze formative e dello sviluppo della relativa offerta sul territorio in collaborazione con la regione e gli enti locali. Cura dei rapporti con l’amministrazione regionale e con gli enti locali, per quanto di competenza statale, per l’offerta formativa integrata, l’educazione degli adulti, e l’istruzione e formazione tecnica superiore e i rapporti scuola-lavoro. Coordinamento delle attività di verifica e vigilanza al fine di rilevare l’efficienza dell’attività delle istituzioni scolastiche, nonché delle attività di valutazione del grado di realizzazione del piano dell’offerta formativa.

  e)  istruzione non statale. Scuole paritarie e non paritarie: concessione, diniego o revoca parità; iscrizione e cancellazione dal registro delle scuole non paritarie; nulla osta per la prosecuzione delle attività delle scuole straniere presenti nella regione. Riparto ed assegnazione dei contributi alle scuole paritarie e parificate.

 

2.     L’Ufficio I svolge altresì i compiti di seguito indicati, fatto salvo quanto previsto all’articolo 3, comma 1, lettera o). Gestione del contenzioso concernente il personale amministrativo appartenente alle aree funzionali in servizio presso l’USR. Linee di indirizzo e coordinamento per la gestione del contenzioso di competenza delle articolazioni territoriali e dell’Ufficio II. Linee di indirizzo per la gestione dei procedimenti disciplinari di competenza delle articolazioni territoriali e dell’Ufficio II. Procedimenti disciplinari a carico del personale amministrativo appartenente alle aree funzionali in servizio presso l’USR e le sue articolazioni territoriali concernenti l’irrogazione delle sanzioni di maggiore entità. Procedimenti disciplinari a carico del personale dirigenziale di seconda fascia non riservati alla Direzione generale per le risorse umane e finanziarie di cui all’articolo 7, comma 4, lettere m) e o) del d.P.C.M. n. 98 del 2014. Procedimenti disciplinari a carico dei dirigenti scolastici della regione, nel rispetto dei principi di cui al d.lgs. 30 marzo 2001 n. 165, come modificato dal d.lgs. 27 ottobre 2009 n. 150. Cura delle attività connesse ai procedimenti per responsabilità penale e amministrativo-contabile a carico del personale amministrativo dirigente di seconda fascia, del personale amministrativo delle aree funzionali in servizio presso l’USR e le sue articolazioni territoriali, nonché dei dirigenti scolastici della regione.

 

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 30 settembre 2020, n. 166 

Regolamento concernente l'organizzazione del Ministero dell'istruzione. (20G00178) (GU Serie Generale n.309 del 14-12-2020)

DECRETO MINISTERO DELL'ISTRUZIONE, DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA 18 dicembre 2014 

Organizzazione e compiti degli uffici di livello dirigenziale non generale istituiti presso l'Ufficio scolastico regionale per il Friuli - Venezia Giulia. (Decreto n. 913). (15A02628) (GU Serie Generale n.91 del 20-04-2015 - Suppl. Ordinario n. 19)